Viaggio on the Road tra Francia, Spagna e Portogallo.

Il Viaggio on the road a casa nostra, iniziano più o meno così.

Una domenica del 2017 a pranzo da mamma, avviene questa conversazione

Mamma: «Simona, ti devo parlare»

IO: «Dimmi mamma, che succede?»

Mamma: «ma se questa estate si facesse un giro in Portogallo?»

Io: «Io vorrei vedere Granada e Santiago de Compostela»

Bianca: «per me Valencia c’è l’acquario più grande d’Europa»

Mamma: «allora facciamo Spagna e Portogallo, in macchina»

Babbo: «Quanto devo guidare?»

Io: «Ok prendo la cartina e vediamo che città visitare, aggiungiamo la Provenza?»

Ecco diciamo che la pianificazione del nostro viaggio è iniziata così, con quel ‘ti devo parlare’ di mamma.

Viaggio on the Road pianificazione

Srotoliamo la cartina dell’Europa sul tavolo di cucina e iniziamo a buttar giù le prime idee. Calcoliamo i km da fare, calcoliamo quanti giorni dormire in un luogo, in base alle cose da vedere.

La conversazione prende il vivo, io voglio vedere questo, io quello.. e così dopo varie proposte si inizia a delineare il confine del nostro viaggio on the road.

Considerato che la nostra partenza è Firenze, la prima tappa la facciamo in Francia, si ma dove? Fermiamoci a Cannes, Bianca non l’ha mai vista e anch’io la ricordo poco, ci sono stata da bambinetta e ricordo poco. Carcassonne è bellino fermiamoci anche lì. La provence la lasciamo per il rientro.

Itinerario di Viaggio

Viaggio di Andata – FIRENZEViaggio di ritorno – FIRENZE
FRANCIASPAGNA
1. Cannes – 1 notte
2. Carcassonne – 1 notte
9. Madrid – 2 notti
10. Saragozza – 1 notte
SPAGNAFRANCIA
3. Valencia – 1 notte
4. Granada – 2 notti
5. Siviglia – 1 notte
11. Perpignan – 1 notte
12. Salon-de- provence – 1 notte
PORTOGALLOITALIA
6. Faro – 2 notti
7. Lisbona – 2 notti
8. Porto – 1 notte
13. Albenga – 1 notte
Firenze casa – ferie Finite

Abbiamo così un totale di 4 Nazioni, 13 Città, 17 giorni, 5.347 Km che ci porteranno via 55 ore di viaggio, a dirlo così sembra una gran fatica.

Faccio solo una precisazione per Barcellona che è stata esclusa da questo viaggio. L’esclusione è dovuta al fatto che l’abbiamo già vista.

Ora che abbiamo definito il nostro itinerario ed i giorni in cui dormire nelle varie città, passiamo alla prenotazione degli alloggi per il pernottamento.

Prenotazione pernottamenti

La gestione dei pernottamenti e delle prenotazioni è tutta a carico mio. Inizio così a selezionare i vari motori di ricerca, per trovare dei buoni alloggi.

La caratteristica essenziale per me, soprattutto in un viaggio On the road, è che ci sia il posto auto compreso. Valuto la distanza dal centro della città, difficilmente prenoto un albergo che non sia centrale, perchè dopo tutti i km fatti per arrivare a destinazione, preferiamo girare la città a piedi. Per questo viaggio in particolare gli appartamenti/alberghi dovevano avere l’aria condizionata, soprattutto per gli alloggi spagnoli.

Un’altra cosa che controllo sempre è che le camere abbiano il bagno in camera, molto spesso fuori dall’Italia i bagni sono in comune.

Ovviamente prenoto solo dove posso disdire senza penali, e solo con pagamento al momento del chek-in.

Spesso o quasi sempre a dire il vero, cerco appartamenti e non alberghi, perchè gli appartamenti sono più economici rispetto agli alberghi. Potersi fare da mangiare da soli a volte è la nostra salvezza. Sia Bianca che la mia mamma, e a volte anch’io, facciamo fatica a mangiare fuori dall’Italia, pertanto preferiamo cucinare noi.

Costi per questo viaggio on the road

I costi per questo viaggio on the road non sono stati eccessi.

Avendo la possibilità di prendere le ferie quando voglio riesco a contenere le spese il più possibile.

Il periodo scelto per questo viaggio è stato dal 30 giugno al 17 luglio. A casa mia si inizia a pensare alle vacanze estive già da febbraio, perchè prenotare con largo anticipo ci permette di ridurre i costi.

Per questo viaggio abbiamo speso 1.285 € per il ‘dormire’ e considerato che eravamo in 4 persone sono circa 321€ a testa per 17 notti.

I costi per il diesel sono stati circa di 300€ per l’intero viaggio, complice il fatto che in Spagna abbiamo trovato distributori dove il diesel stava ad 1€ al litro… non ci sembrava vero.

I costi autostradali sono stati di circa 150€, anche in questo caso la Spagna ci ha agevolato, non sempre si paga il pedaggio per le autostrade, in Francia dopo aver passato il confine con l’Italia, il pagamento viene anticipato con i cartelli molto prima di arrivare al casello, così Bianca si divertiva a mettere i soldi nella macchinetta. Sapendo di questa particolarità, avevamo un sacchetto da 20€ in spiccioli.

Qualche cena al ristorante, perchè anche se prenoto gli appartamenti qualche cena al ristorante ce la concediamo.

Non ho inserito volutamente i costi dei biglietti di ingresso, alle varie attrazioni che abbiamo visto, come L’Oceanogràfic di Valencia, Alhambra di Granada, il museo di Madrid per vedere il Guernica di Picasso o il trenino panoramico di Perpignan. Non a tutti possono interessare queste visite.

Arriviamo così ad un totale di circa 2.200 €, 550 € a testa per 17 giorni e 13 città. Scusate se non ho speso di più.

Cosa mettere in valigia

Come dice sempre il mio babbo al momento della partenza solo 2 cose sono importati ricordarsi di prende, Documenti e Soldi, ecco fatto, la valigia è pronta!! MA NON SCHERZIAMO.

Bianca orami è autonoma nel farsi la valigia quindi ognuna prepara la sua valigia, ma abbiamo delle regole di base, la biancheria intima un cambio al giorno, purtroppo non sono una mamma che in ferie si mette e lavare le ‘mutande e calzini’ ad ogni albergo quindi ne prendiamo sempre 1 paio per ogni giorno che stiamo via, con l’aggiunta di 1 (perchè non si sa mai).

Per i vestiti stessa cosa, calcolo un cambio al giorno, magari mettendo una maglietta in più, ma 2 o 3 pantaloncini in meno, in genere mi regolo che un pantalone lo uso 2 giorni, s poi metto una gonna o un vestito, tolgo un pantalone e una maglietta.

Siamo in estate e facciamo tappa al mare, quindi in questo caso mettiamo anche un costume ed un telo mare (il costume lo porto quasi sempre, non si sa mai che troviamo delle piscine).

Le scarpe sono sempre la parte più difficile da mettere in valigia, ovviamente scarpe comode per camminare durante il giorno, una scarpa con il tacco per uscire la sera e delle ciabatte da mare per stare in casa e andare al mare. Le scarpe comodo per me sono sempre sandali con la zeppa, per bianca scarpe da ginnastica. Insomma ognuna ha le sue comodità, di queste ne portiamo almeno 2 paia. (dopo tutto stiamo viaggiando in macchina e possiamo permetterci il lusso di fare una valigia solo per le scarpe).

I prodotti da bagno li prepara Bianca, shampoo, bagnoschiuma, mia figlia ha la fissa per queste cose, quindi decide lei cosa prendere ed io mi adeguo.

Nella mia valigia metto anche gli accessori che non devono mancare mai, carica batteria del telefono, ebook con relativo carica batteria, un viaggio così lungo senza leggere sarebbe impensabile per me. Durante questo viaggio nei vari spostamenti abbiamo letto ‘Orgoglio e pregiudizio’ ho la fortuna poter leggere in macchina senza che mi dia fastidio. Guide delle città, penna, quaderno per scrivere il diario di viaggio.

In questo caso avendo prenotato per la maggior parte degli appartamenti prendiamo anche i generi alimentari di cui si occupa mia mamma, portiamo sempre, una confezione di acqua, ma macchinetta del caffè (moka) e il caffè in polvere, sale, olio, peperoncino, un pacco o due di pasta, pomodoro, scatolette di tonno, latte e biscotti per la colazione. Almeno per i primi giorni, in modo da non stressarci subito per fare la spesa o impazzire per mangiare.

Mi sembra di aver preso tutto, ora non ci resta che partire.

In conclusione

Consiglio questo viaggio a chi non ha problemi a passare tanto tempo in macchina.

close

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.