Alla Scoperta dell’Isola Bella sotto la pioggia

postato in: Italia | 0

Dopo aver visto l’Isola Madre e aver pranzato sull’isola dei Pescatori andiamo alla Scoperta dell’Isola Bella sotto la pioggia, ormai sono due ore che piove e non sembra voler smettere.

Per questa visita abbiamo fatto un biglietto cumulativo da 33 € che comprende Isola Bella, Isola Madre e parco Pallavicino. Il servizio traghetti è molto comodo, abbiamo fatto la formula Hop-on Hop-off a 16,90 € a testa. In più abbiamo pagato 7,50 totali per la tassa di sbarco per le tre isole dell’arcipelago.

L’Isola Bella fa parte dell’arcipelago delle Isole Borromee nel Lago Maggiore, nel Golfo Borromeo.

Questa isola fino al 1630 era uno scoglio abitato da pescatori. I Borromeo, già proprietari dell’Isola Madre dal 1501, iniziano a progettare l’isola trasformandola nel corso dei secoli. I lavori termineranno solo nel 1948 con Vitaliano IX Borromeo quando saranno costruiti il Salone Nuovo, la facciata settentrionale e il molo.

Isola Bella – Il palazzo Borromeo

Iniziamo con la visita del palazzo, dal molo al palazzo ci dividono pochi metri, ma sufficienti a bagnarci.

Il palazzo è in stile barocco visitiamo le oltre 20 sale aperte al pubblico, passando per la sala della musica, la biblioteca, la Galleria Berthier una grande sala che contiene più di 130 quadri.

Curiosità ad agosto del 1797 senza essere annunciato si presentò Napoleone Bonaparte con la moglie Giuseppina, rimase solo un paio di notti. In tutta fretta i Borromeo dovettero allestire la camera da letto e un banchetto per 30 persone. Il giorno seguente volle pranzare nelle grotte, inutile dire che per solo 2 giorni creò un gran scompiglio.

Sala Napoleone Bonaparte

Un altra sala che ha attirato la mia attenzione è la sala da ballo, non tanto per l’arredamento recente, (divanetti anni 70-80) ma perchè il re del Belgio ne fu talmente colpito che dice l’abbia voluta riprodurre nel suo palazzo. Mentre in tempi più recenti persino la Principessa Diana e il Principe Carlo ballarono in questa sala.

isola bella
Sala da Ballo

Le grotte di palazzo Borromeo

Scendendo di un piano veniamo trasportare all’interno delle Grotte nate esclusivamente per stupire gli ospiti, decorate con mosaici a tema marino. Vi ricordate, persino Napoleone Bonaparte volle mangiare lì. Devo ammettere che sono veramente belle e particolari, in anni di viaggi non ho mai visto niente di simile. Dopo lo stupore iniziale il mio pensiero è stato, ‘ma quei poveri che l’hanno create, ma quando ci avranno lavorato’. Le 5 grotte sono interamente decorate con mosaici, dal pavimento, alle parte per finire con il soffitto.

Isola Bella – Il Giardino all’italiana

Nel giardino che venne costruito dal 1631 al 1671 troviamo il monumento più importante il Teatro Massimo. Una costruzione di 10 terrazze decorate con statue, obelischi e fontane che si integrano perfettamente con la vegetazione. Sulla cima troviamo la statua dell’Unicorno, simbolo araldico della famiglia Borromeo. Piove, continua a piovere, ma anche con la pioggia andiamo a vedere il giardino.

Persino i poveri pavoni bianchi, che sono liberi nel giardino, si riparavano dalla pioggia, se cercate bene ne troverete uno nella arcate del teatro. Per vedere il giardino con il sole, non ci resta che tornare.

Concludiamo la nostra visita all’isola Bella bagnate come pulcini, la traversata in traghetto è breve, e nel giro di pochi minuti siamo a casa per fare una bella doccia calda.

In conclusione

Consiglio questa location? Assolutamente si, approvate al 100% soprattutto in un giorno di sole.

close

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.